Social Icons

.

martedì 29 dicembre 2015

Il mostro di Firenze su TV Prato


"La vicenda del maniaco di Firenze ha insanguinato per 17 anni la campagna fiorentina: dal 1968 al 1985 una beretta calibro 22, sempre la stessa, uccise sette donne e nove uomini. Per quattro di quegli otto duplici delitti sono stati condannati in via definitiva Mario Vanni e Giancarlo Lotti, i «compagni di merende» di Pietro Pacciani morto da innocente prima che si potesse celebrare un nuovo processo d’appello dopo l’annullamento da parte della Corte di Cassazione. Tv Prato torna a parlare della vicenda, complessa e ancora aperta nonostante le «verità processuali», con una trasmissione speciale che andrà in onda martedì 29 dicembre alle 21,20. In studio con il giornalista Giacomo Cocchi 
ci sarà Paolo Cochi, regista romano autore del documentario 
«Scopeti, l’ultimo delitto del Mostro». Nella sua video inchiesta Cochi mette in dubbio la ricostruzione ufficiale dell’ultimo delitto avvenuto a Scopeti nel Comune di San Casciano Val di Pesa nel 1985. I due turisti francesi, Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili, sorpresi in tenda dal mostro e freddati a colpi di pistola, sarebbero stati uccisi la notte fra sabato 7 e domenica 8 settembre, se non addirittura venerdì 6."
Fonte: Comunicato stampa -

giovedì 24 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Tredicesima parte

Segue dalla dodicesima parte

Avvocato Filastò: Un piccolo personale sfogo non dell'avvocato, diciamo così, di chi 1uesta indagine l'ha seguita. Non per portare ogni giorno un mostro sul tavolo della Procura, ma vi ho detto: queste indagini si risolvono quando se ne occupa sempre la stessa persona, dall'inizio alla fine. Allora si risolve il caso. Quando l'indagine passa di mano, i risultati sono meno che mediocri. Si può puntare bene agli "amici di merende", ecco. E per scoprirlo, questo personaggio, ci voleva proprio lei. E forse questo farabutto l'ha capito. Le ha lanciato questo messaggio terrorizzante. Ci voleva una donna qui, ci voleva una donna, con tutta la determinazione e la contrapposizione di una donna, rispetto all'odiatore per eccellenza delle donne. Così non è stato. Perché nemmeno il dottor Canessa è stato l'indagatore per tutto l'arco. Comincia ad occuparsene, se non sbaglio, nell'84. 
P.M.: L'unico è stato il dottor Vigna. Le ha portate avanti lui.
Avvocato Filastò: No. No, no, dottor Canessa. Non è vero un accidente niente. Io lo so benissimo. Il dottor Vigna aveva tutt'altre cose da fare. Lui di questo caso se n'è occupato... se n'è occupato così, a sprazzi, ogni tanto. 
P.M.: Si vede che c'era lei...
Avvocato Filastò: Senta, nell'68 se n'è occupato il dottor Caponnetto, nonché Antonino. Va bene? Del '74 non se n'è occupato il dottor Vigna. Dell'81, il primo, certamente se n'è occupato il dottor... si era a Prato. No, si era a Firenze. Il secondo, se n'è occupato... le indagini iniziali, quelle importanti, significative, se n'è occupato Prato. Il Pubblico Ministero non mi ricordo chi era; il Giudice istruttore, il dottor Palazzo. (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Come? 
(voce fuori microfono) Pasquariello.
Avvocato Filastò: Pasquariello. Non c'è mai stata un'unità di indagine, in questo processo. Mai. La costante framm... delitto del 1982: Izzo e Della Monica. Vero. Quindi ho ragione io. Nemmeno il dottor Vigna. Va be'. "Se noi analizziamo" - dice il dottor Bruno - "da un punto di vista criminologico gli omicidi, non abbiamo alcun motivo, dico alcuno, se non qualche considerazione che possiamo fare all'ultimo omicidio, per poter pensare ad un gruppo di omicidi, ad una coppia omicida. Al contrario, abbiamo una serie di elementi che fanno pensare ad un'unica mano, cioè ad un unico modus operandi, che non cambia mai per tutti e otto gli episodi." De Fazio, dice, verbali dibattimento Vanni: "Io ho il dovere..." - Sentite come si esprime questo professionista? - "Io ho il dovere di dire, su un piano generale che prescinde da questa vicenda processuale, che un omicidio teoricamente ipotizzato, volto ad asportare feticci a scopo di commercio, o un omicidio, o una serie di omicidi, non ha nulla a che fare con gli omicidi sessuali.'1 Vale a dire, quel certo tipo di ibridazione che vi suggerisce il Pubblico Ministero - da una parte dei perversi, dall'altra parte queste stesse persone che si prefiggono uno scopo di lucro -formano due elementi di una ipotetica eventuale reazione che non si forma come tale. Non c'è niente da fare. Se li mettete insieme nella provetta, nel vetro, dal quale dovrebbe nascere un certo colore, non succede assolutamente nulla, sono due cose che ognuna va da sé. E non legano nel modo più totale. Anzi, si creano maggiori problemi, perché avremmo delle persone che agiscono a scopo di lucro, quell’altre che agiscono a scopo di perversione. E queste persone, ancora più straordinariamente si sarebbero venute - ancora per uno scherzo, un gioco assurdo, incredibile, atroce del destino -incontrate in quel paese di San Casciano Val di Pesa o a Mercatale. Ancora avrebbero, come si dice in Toscana, "accozzato il pentolino" per fare queste cose. Partendo da motivazioni totalmente diverse. Ma dove siamo? Qui è un problema, un aspetto di verosimiglianza, un aspetto di congruità di una ipotesi. Ancora prima di cominciare ad indagare, io dico, avrebbe dovuto, chi di dovere: 'ma questa non è una cosa che regga'. Per 17 anni tutto questo, poi. Quindi, per dire: errore - alla fine della conclusione di questo discorso - per dire: errore, il serial-killer unico autore, bisogna, come dice qui sostanzialmente "per dovere", il professor De Fazio, bisogna dire "errore" anche l'omicidio sessuale. Scrivetelo nella sentenza che questi non sono omicidi sessuali. E qui, su questo punto, ancora avvicinandosi di più a questa ipotesi del gruppo in cui partecipano in funzione operativa due persone, su questo punto il professor De Fazio, nei verbali di dibattimento del processo Vanni, fascicolo 78, pagina 80, dice: "È molto difficile ipotizzare due operatori che agiscono insieme accovacciati nella tenda, quanto meno si sarebbe scardinata la tenda." Non c'era mica tanto bisogno... eh? 
(voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: No, in piedi non c'è versi. Eh, perché l'apertura è alta un metro e 10. E poi, queste due persone, dentro a questa tenda insieme per 10-15 minuti - così dice il Lotti - a fare quel tipo di escissioni lì che abbiamo descritto: quei due gesti, quella separazione del tessuto muscolare dal tessuto adiposo, con questo corpo nel mezzo, dentro a questa tendina, tutte queste due persone... Al mondo è tutto possibile. No, al mondo non è tutto... Non è mica vero, non è mica vero. Questo proprio non c'è verso. Questo proprio non c'è verso. E quella che è la più plateale smentita delle raffazzonate dichiarazioni di Lotti che ci presenta questo quadro con queste due persone appiccicate, gomito a gomito dentro a questa tendina a fare queste cose, diventa, nella impostazione del Pubblico Ministero, il riscontro obiettivo dei due escissori. Ma che scherziamo!? Ma avesse detto almeno, il signor Lotti: hanno preso il materassino, hanno tirato fuori il corpo, hanno agito esternamente, allora, a questo punto, poteva essere possibile. Molto difficile, perché due che fanno una cosa di questo genere, gomito a gomito. Ma che scherziamo davvero! Ma che li ha mai visti? Ma dove sono? Ma dentro la tenda, dentro la tenda, dentro. In quello spazio angusto, occupato per lungo, per tutta l'ampiezza da un corpo, il corpo della ragazza. Ma che scherziamo! Ultima osservazione: guardate fino a che punto, come ho detto prima, questo processo nasce su una ipotesi predeterminata e obbligata. Sono i verbali di dibattimento del processo Pacciani. Il fascicolo è il 76, pagina 51-52. Non so se ce l'avete, ma penso di sì, perché sì, riguarda proprio De Fazio, quindi ce l'avete. Il Presidente domanda se possa ipotizzarsi un accompagnatore che non partecipa ai delitti. E De Fazio risponde: "Questo toglierebbe ogni sapore all'autore dei delitti che noi abbiamo definito su base sadico-sessuale." E insiste il Presidente: "L'ipotesi di una presenza di un'altra persona che gli teneva la macchina, che gli guardava la macchina, che gli reggeva la lampadina, che gli faceva da palo?" A questo risponde Galliani, che dice: "Stranissimo, difficilmente ipotizzabile. In quanto gli omicidi a sfondo sessuale commessi da più persone, due persone o più persone..." Qualche volta si incontrano, la coppia. E ci sono poi, fra l'altro, quelli commessi da più persone che sono il gruppo dei ragazzi assatanati dall'alcool, che si prendono una ragazza, la stuprano, poi la uccidono, poi... 
(voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Eh? 
(voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Il branco. Che sono: un delitto, eh; uno, uno. Massimo due, come vi dice giustamente il professor Bruno. Non otto duplici omicidi che percorrono un arco di 17 anni. Questo non è mai accaduto, non sarebbe mai accaduto. Sarebbe la prima volta. Ma questi gruppi, vi dice però giustamente il Galliani, vedono sempre la partecipazione di tutti i presenti in misura minore o maggiore. Perché tutti sono presi da questa furia omicida. E c'è quello che strazia, quello che ci mette le mani, quello che stupra, quello che si masturba, almeno. Ma questo lo si deduce anche dalla scena del delitto. In quanto" - dice Galliani - "il tipo di lesioni che si trovano, il tipo di tracce che si trovano nella scena dei delitti, non sono evidentemente lasciate da mani diverse e hanno un diverso modus operandi. Inoltre, delitti, omicidi a sfondo sessuale in cui vi sono più partecipanti generalmente non sono ritualizzati." Eh, perché la ritualità appartiene a una persona. Non c'è niente da fare. "La ritualizzazione, generalmente, non prevede la presenza di nessun altro.” E qui, ancora, le ultime osservazioni riguardano la freddezza di questo autore. Freddezza che accresce il quadro della eccezionalità e che è del tutto stridente, contrastante in modo assoluto con l'ipotesi degli "amici di merende”: con Vanni, con Pacciani. Con riferimento, in particolare, a quel preteso inesistente - secondo questo difensore -episodio raccontato dalla Sperduto, in cui si avverte invece un eccitamento, per lo meno nel racconto, che poi sfocia nella masturbazione. Caso Pettini. Nella prima perizia del professor De Fazio : "L'azione esploratoria sul corpo della donna avviene come se l'omicida si trovasse di fronte ad un oggetto relativamente estraneo. La disposizione delle ferite intorno al pube suggerisce l'ipotesi dell'idea embrionale di asportare quella parte del corpo; idea non ancora perfezionata." Questo, disegna intorno, una specie di arabesco, in questo distacco, questa freddezza. Caso Cambi. Prima perizia De Fazio, pagina 64: "L'omicida limita al minimo il contatto fisico con la vittima, denudata con il coltello." I perversi "amici di merende"... insomma: le mani, almeno il toccamento, no, se sono perversi, vero. Se poi sono freddi escissori tutti e due, no, tutti e tre, quanti sono, chi lo sa, perché il dottore ha detto: 'ci procuri quella parte...' Benissimo, allora... Ecco, se sono lì che... Ma non si può discutere così questo processo, perché ripugna. Non si può. Non si può andare avanti in questo modo. Prospettare, di fronte all'evidenza di certe lesioni, all'evidenza di una situazione che è quella che voi avete davanti agli occhi. Ecco, capite, il nostro mestiere che è così, alla fine ci si trova a dibattere sempre dentro a delle deformazioni che sono proprio la fine del mondo della deformazione. Sono proprio, a un certo punto, intellettualmente uno dice: 'ma 'nsomma, sì, la pensate così? O scrivetelo'. E poi si vedrà, eh. Perché, eh diamine! Alla fine... E sempre mi viene in mente la storia della nebbia della Moby Prince, no? C'è un capitano'di nave, il quale dice alla radio: "Livorno ci vede, ci vede con gli occhi", lo dice, lo registra. E lui dovrebbe essere avvolto da una fitta nebbia che lo avvolge. "Livorno, Livorno, ci vede, ci vede con gli occhi", dice. L'ho trovato scritto in una sentenza. Che volete fare? Melanconie di questo mestiere che mi diventa sempre più pesante, sempre più improbo. Nella prima perizia De Fazio, a pagina 55, per il caso Cambi dice: "Freddezza, razionalità e precisione con cui viene compiuto l'atto di escissione che spoglia di contenuto sessuale immediato la stessa asportazione del pube. Atto non istintuale, ma pienamente funzionale dal possesso del feticcio.” Questo disprezzo assoluto, il "castrino", l'estremo censore. Ancora, la prima perizia De Fazio: "Nei casi De Nuccio, Pettini e Cambi il significato della dinamica omicidiaria e l'interesse dell'omicida era rivolto prevalentemente o esclusivamente al pube, come oggetto feticcio, come oggetto libidico" - non utilitaristico, libidico - "capace di polarizzare l'interesse sessuale." Ancora, sempre la prima perizia De Fazio: "Agilità, abilità e freddezza con cui è stata portata a termine l'azione. Crescita di senso di sicurezza e decremento delle precauzioni." "Decremento delle precauzioni". E Bruno, rispetto a tutto questo, ipotizza che l'omicida dimostri di avere angoscia nei confronti della figura femminile; che lo porta a togliere alla figura femminile gli elementi che la rendono tale. Mi sembra una ipotesi psicologica ragguardevole. 

mercoledì 23 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Dodicesima parte

Segue dall'undicesima parte.

Avvocato Filastò: Il Perugini che vi ha parlato di firma e vi ha parlato di firma in rapporto a quelle lesioni che gli appaiono gratuite, rispetto all'evento morte dice: "La firma dell'assassino è l'escissione delle parti anatomiche. La firma più vistosa è quella. Cioè, è un comportamento che non solo è gratuito rispetto al conseguimento dell'evento morte, ma è un comportamento che gli consta in termine di rischio, perché significa perdere tempo." Immaginatevi il quadro: i quattro "amici di merende" che arrivano sul posto, uccidono, poi devono fare... Insomma, o non c'è nessuno che, a un certo punto, dice: 'mah, andiamo via, scappiamo, che si sta a fare qui?' Poi ci sono gli altri che guardano, nessuno scappa. Almeno a sentire Lotti, Pucci. Mah, insomma... De Fazio., fascicolo 78, pagina 27 verbale di dibattimento del processo Vanni: "Dato obiettivo la coppia in amore..." "Le escissioni in certe parti anatomiche nella donna e solo in lei..." "Comparativamente le omesse escissioni sui cadaveri dei tedeschi." Perché sono due uomini. E c'è stato l'errore, ingenerato dai capelli lunghi. A domanda del Pubblico Ministero, se l'azione dello sparare e del tagliare possa rinviare a due soggetti diversi - una domanda precisa, puntuale, che riguarda l'ipotesi accusatoria di questo processo - cosa risponde De Fazio? "Se la domanda è se è possibile, io non trovo" -"non trovo" - "personalmente elementi di possibilità in questo senso. Certo, nei momenti in cui uno spara e un altro taglia dei pezzi corporei, evidentemente" - cioè a dire con evidenza - "mi riesce difficile riportare a sintesi e ad unità questi due atti nella configurazione di un delitto sessuale." Se questo è un delitto sessuale, come vi ha detto prima e come vi ha spiegato e come l'evidenza richiama. E insiste. E qui, guardate, mi sono fotostaticato proprio... qui l'ho copiato, ma qui proprio ho fotostaticato la pagina, che è questa pagina che vi ho citato: 27, fascicolo 78. "Ma se la domanda è se è possibile, io non trovo personalmente... Io non so cosa ne pensano i miei colleghi, è giusto che ognuno si esprima... Non trovo che esistano elementi di possibilità in questo senso", che uno spara e l'altro escinde. "Certo, nei momenti in cui uno spara e un altro taglia dei pezzi corporei, evidentemente mi riesce difficile riportare a sintesi, ad unità questi due atti nella configurazione di un delitto sessuale." Lei annuisce, Pubblico Ministero. Ma allora dica che non è, che questi non sono delitti sessuali, facciamo questo. Per 17 anni, questi... Non sono delitti sessuali, sono un'altra cosa. Sono delitti a scopo di lucro per prendere i feticci e venderli a qualcun altro. Io voglio vedere scritto una cosa di questo genere in una sentenza, ecco. Io aspetto di vedere una cosa di questo genere. "Fate di me quel che volete. Uccidetemi. pure, ma almeno salvatemi la vita", diceva Petrolini. Con quelle connotazioni, con quella esibizione del corpo straziato della ragazza a gambe larghe, sconciata a quel modo. Guardate, guardate... "Dal. punto di vista medico-legale...", dice Beduschi, fascicolo 77, pagina 111 di questo processo. Verbale del processo Vanni, in cui si affronta questo tema. "Dal punto di vista medico-legale di quello che può essere stato il modus operandi, non c'è dubbio che si è visto nelle modalità di taglio, nei perimetri, una matrice unitaria, che riporta suggestivamente ad una mano unitaria." Questo, anche per, poi, dopo, sui due coltelli nel 1985; ne riparleremo, ma intanto vi anticipo che qui siamo di fronte ad un equivoco in cui sono caduti i medici legali. Perché tutto si fonda sul fatto che prima che ci sia stata l'escissione del seno e poi quella del pube. Perché se viceversa si dice: prima c'è stata l'escissione del pube, poi quella del seno, coiti è molto più probabile, perché la ritualità porta a questo: che prima si fa quello che si faceva prima e poi si fa quello che si fa dopo, tutto torna. Il coltello può essere meno tagliente durante la seconda escissione. E basta, fine del discorso. Non ci fermiamo tanto su questo aspetto. Quanto poi alle lesioni intorno al seno, queste sono delineate dalla zigrinatura della costola del coltello: questo lo capirebbe chiunque, voglio dire. Ma insomma, ne parleremo un po' meglio. Affronteremo questo aspetto specifico del cosiddetto riscontro obiettivo alle dichiarazioni di Lotti. Ancora: "Il contributo dell'elaborazione elettronica delle immagini..." Perché tutto questo ha comportato un lavoro fatto da questi periti attraverso la elaborazione elettronica delle immagini. Cos'hanno fatto? Le hanno messe là, le hanno comparate l'una all'altra per vedere dove spara questo signore, in quale parte del corpo colpisce. 'E mettiamole insieme'. E hanno fatto questo programma computerizzato in cui, ad un certo punto, queste cose sono state messe a paragone. Uno strumento come un altro, eh. Mica che la computerizzazione sia il non plus ultra. Però, voglio dire, è uno studio serio, no? È un approfondimento serio che è stato fatto. E dice: "Il contributo dell'elaborazione elettronica delle immagini è tale da avvalorare ulteriormente la possibilità che ad azionare l'uso dell'arma da taglio sia sempre stata la stessa persona, malgrado le differenti lesioni riscontrate in un caso rispetto all'altro." Pierini dice: “Si rileva un modo molto simile, in tutti i casi, di tagliare." E questo è molto secco, anche questo, da parte del professor Pierini, abbastanza "dry" anche questo, come il Martini. Il Pierini, ancora, verbale dibattimento Vanni, fascicolo 77, pagina 61: "La profondità di discesa del coltello durante l'escissione è uniforme e segue la necessità di separare l'adiposo dal muscolare." Ma che scherziamo! Ma anche la precisione di questo lavoro voi la toccate con mano, in questa osservazione: "L'angolo d'incisura si colloca sempre fra le ore 10 e le ore 11."; Fa parte della ritualità, tutto questo. Fa parte della "memoria muscolare", come dice il dottor Perugini. Ma di chi? Di una persona, no! "La quota di superficie muscolare esposta rispetto ai brandelli di tessuto adiposo che rimanevano, erano pressoché costante." Professor Pierini, fascicolo 77, pagina 59. "Le figure elaborate dalle escissioni pubiche hanno una cosa caratteristica: cioè hanno un centro comune." Ancora De Fazio: "Quello che colpiva, più che il perimento della lesione, era proprio questa doppia incisura, perché questa riportava a due atti separati e quindi riportava ad una manualità abbastanza ricorrente." De Fazio, fascicolo 77, pagina 50: "Da un punto di vista macroscopico, anatomopatologico, si è rilevato sostanzialmente, come elemento che accumunava queste lesioni, queste escissioni pubiche, si è rilevata una incisura ricorrente nel quadrante attorno alle ore 11 del quadrante del cerchio. Cioè, è stato da noi interpretato come un atto a due gesti" - zah, zah - "Quindi, un primo colpo di escissione, poi una sorta di interruzione con o senza estrazione dell'arma, poi un secondo colpo di chiusura: due colpi. Il che ci appariva traumatogeneticamente corrispondente ad una azione a doppia incisura." De Fazio, verbale dibattimento Vanni, fascicolo 77 pagina 48: "La lesività da punta e da taglio, malgrado gli apparenti contrasti, delineava una stessa mano, che però ha avuto una evoluzione nel praticare i tagli. Cioè, prima, solo il pube; poi anche il seno." E questo corrisponde a quel discorso sul perfezionamento di cui si parlava prima. Ancora, De Fazio, dibattimento Vanni, fascicolo 77, pagina 24 : "Abbiamo nell'81 una escissione pubica..." Questo sempre sotto il profilo del perfezionamento, con riferimento a questo evolversi, sia pure all'’interno di una componente sempre unica, questo evolversi dell'azione: perfezionamento. "...una escissione pubica che diventa più vasta nel caso Cambi, che diventa ancora più estesa nel caso Rontini." È sgradevolissimo parlare di questo: la maggiore estensione corrisponde alla volontà di procurarsi anche la parte posteriore. Capito? "Cioè, c'è uno stesso tipo di tecnica nella stessa sede; una stessa, probabilmente, motivazione nella escissione; si coglie praticamente più o meno una stessa mano con evoluzione nel modus operandi." La memoria si. perfeziona, perfeziona; il ricordo, come si è fatto la volta precedente. Poi, in questa coazione a ripetere c'è una coazione a ripetere che però si evolve, accrescendosi di volta in volta. Dopo ne parlerò, perché ne dovrò parlare, della ipotesi lottiana dei due coltelli e delle due mani, di due escissori, quando affronterò tre soli temi della prova generica. Questa ipotesi lottiana che viene definita un riscontro oggettivo. Poi Baccaiano e la cosiddetta "ipotesi Allegranti". E poi la data, sabato o domenica, degli omicidi degli Scopeti. Quindi di questo ne riparleremo un po' meglio in un momento successivo quando affronteremo questi tre temi. Poi, altre indicazioni di linea generale. A domanda di questo difensore, il professor Fornari - e a questo punto fanno nove esperti che rispondono su questo argomento: unico autore, più autori - risponde, fascicolo 28, pagina 76, verbale dibattimento Vanni, nelle sue ricerche: "Non ho mai riscontrato delitti seriali come quelli di cui si occupa il processo, commessi da un gruppo di persone." Mai. Bruno, su questo punto della ipotesi del gruppo, dice delle cose molto interessanti, al fascicolo 78, pagina 124. È un criminologo che insegna alla Sapienza di Roma, non è mica uno che passa per la strada, eh: "I gruppi, in ogni caso" - dice - "agiscono per lo più per uno o per due, tre episodi, dopodiché inevitabilmente si sfaldano. Non si può tenere un segreto di questo tipo per 20 anni." Ma questa è una constatazione direi di una ovvietà notevole. È ovvia. "In delitti di altra natura” - di altra natura, però - "che possono assomigliare a quelli del serial-killer, gli atti omicidiari non sono mai più di due o tre, proprio perché il gruppo, poi, tende inevitabilmente a sfaldarsi." E si sfalda inevitabilmente, mano a mano che aumenta il numero di atti in cui ci si coinvolge. Ed ecco un altro motivo strumentale della disgregazione, della parzializzazione di questo caso giudiziario che parte nel 1968 e arriva al 1985 e percorre tutto l'arco di questi atti. Perché riesce assolutamente difficile e impossibile immaginare un gruppo che si mantiene compatto per quasi 30 anni: degli "amici di merende" normali e campagnoli. Ma dove siamo? Lo stesso Bruno, ancora verbale dibattimento Vanni, fascicolo 78, pagina 123, dice: "Tutti i casi della letteratura che abbiamo analizzato - e sono migliaia, migliaia - non hanno individuato alcun caso di un gruppo di mostri. Inoltre si tratterebbe" - dice lui - "addirittura di un gruppo di mosti che agisce non per motivi sessuali ma non si sa bene perché." Infatti non si sa bene perché. E quando io ho detto ho rivolto una specie di interpello, si direbbe in diritto civile, in procedura civile, al Pubblico Ministero: mi vuol spiegare? Abbia pazienza: perversione, perversi e forse il dottore compra feticci... Di questo dottore non si sa proprio niente, vero. È una suggestione il dottore; una suggestione in assoluto. Proprio non se ne può nemmeno parlare, perché non c'è, non si sa chi sia. Infine, dice sempre Bruno: "L'analisi oggettiva degli omicidi non consente di trovare elementi a sostegno dell'ipotesi di più persone." E questo lo avevamo già visto, esaminando e osservando obiettivamente quelle lesioni, quei corpi. E osservandoli nella loro elaborazione computerizzata e tutto il resto. Ancora Bruno, dice: "Il significato del messaggio alla dottoressa Della Monica deriva da una mente che non può essere la mente di un gruppo dì persone, ma che è evidentemente la mente di un'unica persona." Ma certo! Fossero stati in quattro o cinque, dice: 'si manda una lettera alla Della Monica?' Uno diceva: 'ma che sei... guarda, posa il fiasco', si dice da noi in Toscana. 'Posa il fiasco. Non si fanno... Ma che scherzi davvero!' Oltretutto, voglio dire, fosse sai, una inquirente, così, di quelle che... Accidenti, proprio alla dottoressa Della Monica: ne sa una più del diavolo, lei lì, fra l'altro, dal punto di vista indagatorio, vero. Scoperte rilevanti fatte da questo Pubblico Ministero, da quel Pubblico Ministero lì. Si dice in Toscana: 'E' piccina, ma c'è tutta', eh, lei. La carissima Silvia Della Monica. 

martedì 22 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Undicesima parte

Segue dalla decima parte.

Avvocato Filastò: E poi la donna. La donna a quel punto lì è diventata l'oggetto da disprezzare, l'oggetto da cui estirpare la caratteristica della femminilità. Diceva un esperto di psicologia, il dottor Tranchini; lui è un "castrino". Dove con la parola "castrino" si intende durissimo, acerrimo censore. Fra i sinonimi "castrino" ha questo significato. "Ora, questa" - Luberto, dice - "conflittualità intrapsichica, evidentemente la pulsione ad agire, la motivazione ad agire assume quasi significato di una coazione a ripetere, quindi, ritualistico nel senso di ripetere, con una dinamica analoga, azioni simili motivate, che sono motivate dalla stessa spinta pulsionale." E questa pulsione è condivisibile? Ve lo chiedo. Si può condividere una pulsione eccezionale, straordinaria, come quella che abbiamo detto? Può appartenere, nell'arco di diciassette anni, perché con buona pace del Pubblico Ministero, che circoscrive questi delitti a quelli che partono -chissà perché poi, forse in replica me lo spiegherà lui - dall'ottobre dell'81, all'85, quindi, circoscritti in un numero di anni determinato, in realtà sono diciassette anni che va avanti questa storia nella provincia di Firenze. Può appartenere nell'arco di diciassette anni tutto questo a un gruppo di normali campagnoli di Mercatale, di San Casciano Val di Pesa. C'è poi l'aspetto del perfezionamento. Professor Galliani. Verbale di dibattimento Pacciani, udienza 15 luglio '94, pagina 56. Dice il professor Galliani: "Evoluzione delle fantasie sottese." Evoluzione. Non solo la fantasia originaria ossessiva, ma una evoluzione di questa fantasia. "Evoluzione delle fantasie sottese alla esecuzione dei delitti; dalla fantasia di interrompere, uccidendo, l'atto sessuale, alla fantasia di escindere parti del corpo femminile." "Se si fa riferimento ad un soggetto, se ne può cogliere anche delle componenti di perfezionamento delle azioni corrispondenti all'evolversi di questa iniziale fantasia." Al'inizio c'è: si interrompe l'atto sessuale delle coppie. Siamo di fronte all'omicidio del '68: Antonio Lo Bianco e Barbara Locci. Preliminari: si sono appena cominciati a spogliare,- arriva lui e l'ammazza. Poi, all'interno di una pulsione, che poi sarà sempre quella, di chi a un certo punto, per certi versi disprezza la donna ed ha orrore delle sue parti femminili, riveste il cadavere della donna, le rimette le mutande. Questa è la prima. Si arriva al 1974. Nel 1974, la fantasia è ancora quella: interrompere l'atto sessuale, intervenire sulla coppia; non allo scopo di rapinarla, o neppure, come vuole oggi il Pubblico Ministero, per portare via i feticci da vendere al misterioso dottore... La scommessa vale sempre, eh, dottor... magari si riduce la posta, quello che vuole lei, o portarla, trasferirla in una specie, che le devo dire, di gioco goliardico: stare una mattinata intera davanti a Palazzo Vecchio con un cartello attaccato al collo con scritto: "Io sono un serial-killer", bisognerebbe farlo. Scusi, eh, se scherzo. D'altra parte lei sta lì, e mi sollecita. Fosse dall'altra parte non mi solleciterebbe. O probabilmente... È qui e mi sollecita qualche scherzetto. Non mi guardi male così, sennò mi impressiono. Allora, 19.74. 1974, tutto questo si trasferisce nel disprezzo sul cadavere della ragazza, sulla sua, che devo dire, volontà di cominciare a sconciarlo, ecco, la parola è questa. È brutto, ma è così. E allora, a punta di coltello si fanno questi segni, si fanno queste incisioni, tutte queste lesioni gratuite, inutili, per la morte e tutto il resto. Dopo aver, però, usato il coltello per uccidere. Perché è uno di quei casi in cui l'arma... Lui sparava al torace, a quell'epoca. E quella volta la ragazza restò viva e quindi la uccide col coltello. Poi, ultima forma di disprezzo: il tralcio di vite infilato dentro alla vagina. 1981 giugno, la fantasia si è - eh, non è mica facile, eh - la fantasia si è espressa in questa forma orrenda dell'escissione. Quindi, dice giustamente Galliani, non solo c'è la fantasia di questa persona, ma queste fantasie si perfezionano. E anche il modus operandi si perfeziona e si affina allo stesso modo, pur restando sempre sostanzialmente uguale. Sono elucubrazioni? No, è studio, analisi dei fatti. Analisi dei fatti, compreso il 1974, fatto obliterato in questo processo. Che, secondo me, questa obliterazione, è funzionale: niente escissioni, non feticci: non collima con la vendita. Eh, scusate. Quindi è un allontanamento di quell'episodio che è funzionale, è strumentale, purtroppo, ad una impostazione - come ho detto prima - di tendenza, tendenziosa di questo processo da parte della Pubblica Accusa. E anche De Fazio, nel fascicolo 74, pagina 36, udienza del 15/07/94, processo Pacciani, dice: "Noi vediamo un costante, progressivo miglioramento nell'uso, nel buon uso, nel minor spreco dell'uso dell'arma da fuoco." E questo è progressivo. Cioè a dire, si percorre nel tempo. Nel '74, dicevo prima, si spara al torace. Siccome avviene questo episodio, si verifica il fatto che questa ragazza è ancora vivente e quest'uomo è costretto a ucciderla tagliandole la gola, mi pare, la volta dopo si spara alla testa. E da questo momento in poi si spara sempre alla testa. Ripeto: questo può appartenere al gruppo? No, appartiene alla stessa persona che acquista via via una maggiore sicurezza, che perfeziona la sua azione. E questo lo si può notare se mettiamo in conto e osserviamo anche il delitto del 1974, che il Pubblico Ministero vi induce a non ritenere, a non considerare, perché assolutamente inadeguato, rispetto... anzi, non inadeguato, direi nettamente contrastante con la sua impostazione. Presidente, se lei mi concede altri 5 minuti di pausa, poi si va a diritto fino alle due.
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Perché devo finire questo.
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Se, naturalmente, la Corte non è stanca, ma io oggi vorrei andare...
Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Grazie.
Presidente: Bene. 

« DOPO LA SOSPENSIONE »

Presidente: Prego, avvocato Filastò.
Avvocato Filastò: Grazie, Presidente. Avviciniamoci di più a questi delitti, esaminati, comparativamente l'uno rispetto all'altro. Ed è come se la nostra visuale, da una angolazione un po' più lontana, un po' più panoramica, si fosse spostata verso il primo piano, o il primissimo piano. E qui voi trovate una serie di indicazioni che portano tutte alla stessa conclusione della unicità dell'autore dei periti De Fazio e gli altri, che però riportano, secondo una loro angolazione,, delle osservazioni che appartengono, come dicevo prima, ai medici legali, vale a dire al professor Maurri, dottoressa Cucurna e agli altri che si sono occupati dell'esame dei cadaveri. E quindi sono, qui, dei dati di carattere obiettivo, materiali. E riguardano in particolare le escissioni in linea generale, onnicomprensiva. Nel verbale di dibattimento del processo Pacciani, fascicolo 74, pagina 34, voi trovate questa affermazione del professor De Fazio: "La nostra conclusione, sulla quale ci giochiamo ' la nostra professionalità, è che si tratti di una sola mano. Tale ipotesi ha elementi di ancoraggio tali che possono assumere il valore di prova.” Categorica come affermazione. Un esperto di quel livello che guida una equipe che rappresenta il massimo della esperienza, anche, in Italia, si esprime dicendo: "Io qui mi gioco la mia professionalità." Ma sulla base di che cosa? Continua sempre il professor De Fazio: "Ci sono un sacco di altri elementi che concorrono a far ritenere che si tratti di un solo soggetto: uniformità del modus operandi, che si riflette nei risultati; che l'azione di taglio è orientata da sinistra a destra, quindi soggetto destrimane." E qui voi osserverete e vi ricorderete di questo, quando io - tirato con le funi, come ho detto - vi accennerò ad una certa prospettiva che non mi sento nemmeno di definire ipotesi, che invece il Lotti è mancino; ve lo ricorderete questo fatto. "E che si tratti di un soggetto che possa avere una certa dimestichezza con le azioni di taglio. Altrimenti avremmo avuto dei risultati ancorché confrontabili fra di loro, però con delle variazioni in percentuali molto elevate." E da che cosa deriva questo aspetto per cui il professor De Fazio dice: "un soggetto che può avere una certa dimestichezza con le azioni da taglio"? Per esempio, ancora verbali processo Pacciani. Fascicolo 74, pagina 36: "L'azione di taglio portata da una radice della coscia all'altra, lungo tutta l'arcata pubica, seguendo il filo tra piano muscolare e piano del tessuto adiposo, è operazione tutt'altro che facile." E pensate sul momento, eh. È così che fa questa persona. Escinde, facendo un giro con la mano col coltello, in modo da separare il tessuto adiposo dal piano muscolare, scartando il tessuto adiposo . perché è quello che si presta meno alla conservazione. Ed è un'azione di una certa complessità. "Che è tutt'altro" - dice il professor De Fazio - "che facile." Il professor Pierini, tanto caro all'avvocato Colao per la storia del trincetto... 
(voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Che gli ha dato però poca soddisfazione, indubbiamente, fascicolo 74, pagina 29, dice: "Le quattro escissioni..." - perché sono quattro, capite? E loro ne esaminano quattro. Voi ne dovete esaminare solamente tre, ma sono quattro - "sono state localizzate, come posizione, rispetto alla radice delle coscie e rispetto alla linea dell'ombelico. Poi è stato calcolato l'andamento del perimetro per vedere la figura geometrica risultante." Queste sono constatazioni di carattere obiettivo, che questo professore ha fatto comparativamente. "In ultimo è stato calcolato, rispetto al perimetro, dove probabilmente iniziava il taglio, l'azione di taglio. I risultati sono questi..." Ascoltate i risultati, per tutte e quattro le escissioni, eh. "Per quanto riguarda il perimetro, a parte il secondo caso, i perimetri sono pressoché equivalenti. La cosa più interessante è il livello di schiacciamento dell'ellissoide11 perché facendo questa operazione, questa persona disegna una figura geometrica che è un ellissoide - "perfettamente equivalente in tutti e quattro i casi." Cioè, questa ellissoide appare schiacciato in un certo modo che è equivalente in tutti e quattro i casi. Una specie di firma, una specie di grafia, questa è. "Per quanto riguarda l'elemento profondità di taglio, si tratta di un parametro costante in | tutti e quattro i casi, quindi la profondità di discesa del coltello durante l'escissione è uniforme. L'angolo di incisura, ultimo elemento" - cioè a dire il momento di partenza di questa operazione - "si colloca all'incirca a ore 11, guardando un quadrante di orologio." Sempre. E così De Fazio, fascicolo 74, pagina 11: "La lesività riscontrata nei singoli casi avalla l'ipotesi concretamente che tutti gli omicidi siano stati commessi dalla stessa persona. Si arriva a tale conclusione sulla base di una valutazione che tiene conto anche delle apparenti difformità e della discontinuità della serialità lesiva che caratterizza i casi dal primo all'ottavo." Quindi, considerato tutto: spari, tutto. Non solo escissioni, tutta l'azione. 
Segue...

lunedì 21 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Decima parte

Segue dalla nona parte

Avvocato Filastò: Poi il professor Bruno indica, fascicolo 78, pagina 99, verbale di dibattimento del processo Vanni, "...la eccezionalità del modus operandi, omicidi che hanno tutti una stessa matrice per quanto riguarda il modus operandi, e che hanno tutti un significato molto omogeneo all'interno di questa comparazione che vi dicevo. E l'omicida di distingue anche per un altro aspetto estremamente importante: la grande capacità di autocontrollo e la grande capacità di volgere a proprio favore e affrontare gli imprevisti che nella lunga catena di omicidi si sono talvolta verificati." Grande capacità di controllo della situazione, grande calma durante gli omicidi e queste sono doti assolutamente non comuni. E da questo punto di vista - anticipando un momento il romanzo su Baccaiano che vi farò, che non sarà per niente un romanzo ma sarà un'analisi obiettiva dei fatti che vi farò in prosieguo - eh, lì quale è stato l'imprevisto? L'imprevisto non è stato il ragazzo che si è messo alla guida, no, l'imprevisto è stato lui che è andato a finire nella cunetta e non è stato in grado di andarsene. E l'altro imprevisto, però quello più grave, è stato che, lì, in quella immediatezza, sono confluiti su quel posto almeno otto persone, ma nell'immediatezza, eh. Alcune di queste persone avevano sentito gli spari e questo è riuscito a dileguarsi. Ecco, da questo punto di vista Baccaiano diventa uno dei dati più importanti per individuare questa persona per questa sua capacità di autocontrollo, per questa sua capacità di relazionarsi alle condizioni, alle Situazioni di un certo fatto, di un certo fenomeno e reagire in maniera perfetta. Come avrà fatto? E questa alta organizzazione, secondo me - ma direi, secondo l'evidenza - esclude Pacciani, Vanni, Lotti, Faggi. Nonostante l'assenza di indagini specifiche, perché voi sapete che, a parte quella indagine psichiatrica che è stata fatta sul Lotti, poi gli altri non si sa di che panni si vestano, da questo punto di vista qui; altro che sapere che il Vanni è proprio uno che a un certo punto abbia questa capacità di autoregolarsi rispetto a situazioni obiettive, l'avete visto in quel dibattimento, l'avete visto quando parlava col Presidente. Qual è la povertà non solo del suo linguaggio ma della sua mente; la sua incapacità, la sua rigidità mentale. O quando lui continua a dire: 'ma a me io a parte le merende un'ho fatto altro'. Non dice altro, per tutto il tempo; in due processi non fa altro che dire questa stessa cosa, ma non lo vedete che è la persona più rigida, bloccata... E De Fazio, ancora sotto il profilo di questa eccezionalità: "Partendo dal dato obiettivo della assenza di tracce di liquido spermatico e dall'altro dato obiettivo delle ragazze spogliate a punta di coltello, evitando di toccare con la mano il corpo..." Come collima con quelli che si masturbano a guardare la Sperduto? Non lo so; ammesso che sia vero, eh. Risponde - al fascicolo 78, pagina 75 -affermativamente alla domanda dell'avvocato Curandai, se fosse vero che aveva concluso le indagini e le ricerche ipotizzando la possibilità che l'autore dei reati fosse un uomo connotato da iposessualità e da difficoltà nel rapporto con il sesso femminile e da gravi problematiche personologiche. Quindi: grave iposessualità, difficoltà nel rapporto con il sesso femminile; che, insomma, voglio dire, per quanto riguarda il Vanni, beh, insomma, a una certa età porta il vibratore, perché la cosa non... ma insomma, a suo tempo, con le prostitute ci va e mi sembra che nessuna si sia lamentata in modo particolare. Il Lotti, per dire la verità, sembrerebbe un po' di sì. E guesto ci farà, a un certo momento, fare un'ipotesi, tirata per il collo con le funi, ma la faremo. De Fazio, verbale di dibattimento del processo Vanni fascicolo 78, pagina 16, parla, lui ne parla, della spedizione del frammento di seno alla dottoressa Della Monica e dice: "Se il frammento di seno era quello della vittima, il fatto che sia stato inviato alla dottoressa Della Monica diventa un atto di sfida e di onnipotenza." E questa spedizione, questo fenomeno, quante volte si è verificato da un punto di vista di analisi di fatti analoghi? Mai. Anche questo è un dato che connota la eccezionalità di questi delitti. Il loro significato è così straordinario, così avulso da quello che avviene comunemente in questi casi. Luberto dice: "Ciò rientra" - questa visione di onnipotenza -"in quella psicosicità di cui parlavo prima." Eccezionale, quindi, straordinaria; non assolutamente equiparabile a nessun scopo di lucro. Qui si avverte uno scricchiolio sinistro nella costruzione dell'accusa, quando si tenta di far combaciare questo dato obiettivo con Lotti, anche con Lotti, in questo caso. Il Lotti: sentimento di onnipotenza, di sfida; il Vanni: sentimento dì onnipotenza di sfida; Pacciani... Pacciani: sentimento di onnipotenza, di sfida? L'ex carcerato, quello che è stato all'università del carcere e che sa benissimo che la prima cosa da fare è i poliziotti sì, ma i magistrati soprattutto, vanno lasciati di molto fare. È la prima regola che si impara là dentro. Ma che si va a stuzzicare la dottoressa Della Monica! Ma che scherziamo, Pacciani una cosa di questo genere? Faggi, di Faggi io non so nulla, perché Faggi è una specie di fantasma dentro a questo processo. E ancora insiste anche il dottor Perugini: "L'invio del brandello di tessuto del seno alla dottoressa Della Monica" - fascicolo 80, pagina 30 - "lo definirei come una sfida, una sfida alla Giustizia, una sfida alla donna." E parliamo adesso della ritualità; concetto che ho cercato di definirvi poco fa e sul quale è bene ritornare sulla base di quelle constatazioni di questi periti, di questi tecnici, della materia. Veramente, questo come tutti gli altri sono aspetti che il Pubblico Ministero non affronta nemmeno. Dice che è stato un errore, l'autore unico. Beh, a leggere queste cose sembrerebbe tutt'altro, per dir la verità. L'abolizione di ufficio del serial-killer della provincia di Firenze comporta anche l'obliterazione di tutta una serie di materiali importanti, come per esempio quello che appartiene all'FBI, il quale ha pubblicato una sorta di decalogo sui comportamenti ricorrenti dei serial-killer, che va dal numero uno al numero venti, ventidue. Cioè, loro, analizzando i delitti appartenenti a serial-killer - a serial-killer scoperti come tali, eh, confessi fra l'altro, confessi davvero, questi, carcerati, interrogati e tutto il resto -nella catalogazione di questi comportamenti ricorrenti al numero uno mette la ritualità. Comportamento più ricorrente è la ritualità; in quel senso, grosso modo, molto volgarmente, che vi dicevo prima e che però identifica nei suoi aspetti criminali una patologia, una conflittualità intrapsichica, che nella persona che fa attenzione a non pestare la riga quando cammina, è una forma assolutamente attenuata perché non ha... ma in queste forme qui diventa invece, appunto, usare la stessa arma, sparare allo stesso finestrino, scegliere quel tipo di notte e tutto il resto. E dice, il professor De Fazio: "La motivazione dell'agire nasce da una conflittualità intrapsichica. La ritualità dal punto di vista psicologico avvalora l'ipotesi che si tratta dell'opera di uno stesso soggetto all'interno di una pulsione che richiama le caratteristiche tipiche del delitto sessuale." Quindi, la constatazione si avvalora constatando la ritualità: l'uso della stessa arma; i medesimi proiettili; identici meccanismi, sistemi di approccio alle vittime; identica la frantumazione del finestrino sinistro, che non avviene soltanto attraverso l'uso dell'arma da sparo ma anche un altro... - probabilmente il calcio della pistola lo rompe - la scelta del tempo; i preliminari amorosi che sì interrompono, che devono essere interrotti; la scelta del giorno prefestivo: quella che è stata definita coazione a ripetere.. Ancora il professor De Fazio, verbale di dibattimento del processo Pacciani, fascicolo 74, pagina 14: "In tutti i casi noi abbiamo una ideazione, programmazione razionale, fredda del delitto. E questo in aggiunta a determinate scelte: le coppie, scelte di notti di novilunio, a determinati calcoli e opportunità, giorni prefestivi o come tali, scelta dei luoghi, sistematicità e metodicità, sovente di stampo ritualistico, delle lesioni, portano praticamente a convalidare che si. è trattato di una sola mano." Perugini dice - verbale di dibattimento del processo Vanni, fascicolo 80, pagina 27: "In genere, i delitti di questo tipo, i delitti commessi dallo psicopatico, sono connotati da quello che poi in soldoni si chiama ritualità." (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Sarà mica un piccione? 
(voce fuori microfono) Sembra di sì. 
P.M.: È il vento.
Avvocato Filastò: E il dottor Perugini ha studiato a Quantico, in quel Dipartimento di cui vi ho parlato e che fra l'altro ha prodotto in questo processo un elaborato che è perfettamente coincidente con queste cose che sto leggendo. "La finalità delle escissioni" - dice ancora il dottor Perugini - "è simbolica, come, secondo me, la maggior parte delle attività gratuite commesse dopo la morte della vittima. Le attività di manipolazione del cadavere" - fascicolo 80, pagina 33, dottor Perugini al dibattimento Vanni - "tutte attività connesse che hanno una funzione gratificatoria, simbolica, per cui l'autore ha una sua specifica fantasia in testa che gli dice di farlo. E a volte gli dice di farlo perché senza quel il tipo di attività, a noi apparentemente gratuita, il delitto non ha lo stesso significato." A lui non interessa mica soltanto uccidere per uccidere, lui vuole uccidere per fare le escissioni, lui vuole uccidere perché tutto questo rientra dentro una sua ossessione, ossessiva ossessionante fantasia che lo domina, per cui lui deve far questo perché dentro di sé si crea anche l'alibi del giustizialismo. Lui uccide persone che si esibiscono, uccide persone che danno scandalo, uccide persone che sono, a suo avviso, ripugnanti, perché fanno delle cose che non si devono fare all'aperto, che non si devono fare dentro un'automobile a rischio di essere visti dai bambini. Questa è un'ipotesi che faccio io, ovviamente. 

venerdì 18 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Nona parte

La lettura di questo post è riservata ai Sostenitori di  
Insufficienza di prove.




Come diventare sostenitore:
Per condividere con me gli inevitabili costi e mantenere Insufficienza di prove puoi inviare un contributo tramite Paypal semplicemente clickando sul link riportato qui sotto:


In base all'entità del contributo fornirò l'accesso a tutti i posts per 3 mesi, 6 mesi, un anno.

Indicativamente: con una donazione di 10,00 Euro avrete l'accesso a tutti i posts per i successivi tre mesi.

 La gestione delle donazioni verrà gestita da Daniele, un mostrologo che probabilmente già conoscete se avete acquistato un libro sul "mostro di Firenze" su Ebay o avete partecipato alla presentazione di uno degli ultimi libri usciti sull'argomento.

Grazie per l'attenzione.
Flanz

I numeri di Insufficienza di prove (al 20 marzo 2014)
-1550 posts;
-1300 articoli nell'emeroteca più completa sulla vicenda;
-568 schede con tutti i protagonisti;
-73 interviste ai principali protagonisti della vicenda;
-85 video sul canale Youtube;
-1 post ogni giorno dal lunedì al venerdì;
-Trascrizioni complete e fedeli delle principali udienze sul caso;
-Aggiornamenti e news;
-Oltre 60.000 visitatori annui;

giovedì 17 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Ottava parte

Segue dalla settima parte

Avvocato Filastò: All'inizio c'è l'uccisione con la pistola; per fare che? Per precostituirsi la possibilità di compiere le escissioni. "Spara e compie le escissioni la stessa mano", dice Galliani. Ipotesi? Teorie fondate sulle elucubrazioni soggettive o pseudoscientifiche di chi si esprime in questo modo? No. È la stessa arma da sparo che noi vediamo in funzione e vediamo l'arma da sparo in tempi anticipati rispetto alle escissioni; questo è storico, no? Questa è storia dei delitti. Salvo che nel delitto... pardon: mai, mai. Avete mai visto l'arma che spara dopo, per esempio? Voi vedete che c'è un'azione in cui prima si dà la morte e dopo si estrae il corpo della vittima, lo si porta lontano dal partner e lì si compiono le escissioni. Il professor Bruno, poi, qui nel dibattimento al processo Vanni, e qui lui si trova in qualche modo, anche in maniera robusta, a contrastare quello che in questo processo, nell'ipotesi del Pubblico Ministero, è l'azzeramento della evidenza psicopatologica di questi delitti; e parlo di evidenza, evidenza, pensando a quelle foto, pensando alle connotazioni di quei delitti. E questa indagine catabolica, nel senso di distruttiva, del processo Vanni è questo aspetto di patologia psicologica che ha annullato, azzerato, creando un vuoto spaventoso. Macché, secondo il Pubblico Ministero: si va a "fare il lavoretto", secondo l'espressione "lottiana". Ed è giusta la citazione del collega, da Hitler: “più le sbagli grosse e più è difficile contrapporvisi". Che si deve dire su una cosa di questo genere? Guardatevi le foto, guardatevi i fascicoli fotografici. Il professor Bruno diceva: "È un serial-killer11 — fascicolo 78, pagina 98 — "quindi direi unico. Ci son moltissimi elementi che. fanno pensare all'azione di un'unica persona, che ha individuato come obiettivi del suo delirio delle coppie e che ha esercitato una ritualità omicidiaria tale da essere inequivocabile per il significato patologico che gli è connesso, e che è un significato evidentemente di natura sessuale e che trova il suo humus in una patologia di base ovviamente della persona che compie questi atti. E quando dice "unico", certo è unico; per fortuna non ce n'è mica tanti, vero, come questa persona. "La patologia, quale essa sia da un punto di vista eziologico" - noi non lo possiamo sapere - "se è tale, non è compatibile con un gruppo." È questo che sto cercando di dirvi. Ed ecco, allora, la ragione. Voi capite che questo gruppo, che questo azzeramento dell'aspetto psicopatologico voi capite che è un artificio del Pubblico Ministero, dell'accusa portata ai "compagni di merende". La evidenza psicopatologica viene annullata artificiosamente, fino a rifugiarsi su un concetto banale e atecnico di perversione, che non è da salotto: è da cucina, scusate. Questo concetto di perversione che vi fa così, appellandosi sulla parola 'è un perverso' - come dire: '... è un perverso' - a me sembra tutto questo che, senza voler forzare, senza che nessuno se ne abbia a male, a me pare che questo esprima una certa volgarità culturale, che è assenza di documentazione, di studio, è rifiuto di ragionare seriamente, è offuscamento anche dei sensi, anche di quello della vista, prima di tutto – quella vista che viene così colpita dall'esame di quei fascicoli fotografici - del buonsenso. Ma vi sembra che dei campagnoli normali possano fare quelle cose lì? Possano fare il "lavoretto" di Lotti? Comunque, continuiamo a lasciar parlare gli esperti, perché è meglio che parlino loro che non questo avvocato, che certamente non è del mestiere; anche se, insomma... è meglio, sì, perché sennò va a finire che mi sento salire l’irritazione. Perché, alla fine, sempre il rifiuto della cultura così mi irrita; mi irrita chi mette nello stesso calderone la convenienza con la convinzione, e quindi andiamo avanti a far parlare queste persone. Il De Fazio, fascicolo 77, pagina 15, verbale di dibattimento di questo processo, verbale di . dibattimento del processo Vanni, fascicolo 77, pagina 15, dice: "Nella serie...", virgolette. Tutte queste cose sono cose che vi riferisco sono tutte fra virgolette. "Nella serie di lesioni che le vittime presentavano sussistevano caratteristiche tali da consentire di ipotizzare che si trattasse di una mano sola... Dall'analisi dei singoli episodi delittuosi si sono rilevate le stesse condizioni ambientali e situazionali. Questo è molto importante in ordine al fatto che si trattasse di una sola persona." E Luberto, ancora verbale di dibattimento Vanni, fascicolo 78, pagina 5: "La ritualità dell'azione dell'omicida deve essere | intesa nel senso che la motivazione ad agire assume quasi il significato di una coazione a ripetere con una dinamica analoga azioni simili, motivate dalla stessa spinta pulsionale, conflittualità intrapsichica." Ecco che qui il perito, che è perito psichiatra, specialista in patologia della psiche, vi dice: qui noi riscontriamo una certa ritualità, che è quella che vi ha detto anche il professor De Fazio. Vale, a dire, questa espressione del professor Luberto spiega e approfondisce meglio quella espressione di prima del professor De Fazio, il quale dice: "Dall'analisi dei singoli episodi delittuosi si sono rivelate le stesse condizioni ambientali e situazionali. Questo .è molto importante in ordine al fatto che si trattasse di una sola persona." Cerchiamo di spiegarci meglio, cerchiamo di leggerle approfonditamente queste parole del professor Luberto. Questa cadenza sempre uguale, questa scelta di situazioni analoghe, indica quella - che poi vedremo meglio, cercando di spiegarci meglio, nel concreto, da che cosa sia apprendibile - quella che si definisce con termine tecnico "ritualità". Ora, la ritualità non ha niente a che vedere con i riti magici, proprio assolutamente nulla. È la ritualità che ci appartiene anche a noi, specialmente in epoca adolescenziale. Quella, per esempio, di stare attenti a non pestare le righe mentre si cammina per la strada, perché lo si considera qualcosa che porta male o che in qualche modo ci danneggia. Ciascuno di noi ha una sua ritualità di comportamento, nel modo di farsi il caffè, di prendere il caffè a una certa ora, di compiere le azioni quotidiane in un certo modo. C'è chi, per esempio, non passa mai sotto una scala. Insomma, tutte quelle cose che a un certo punto ci consentono di, come dire, mantenere fra noi e l'ambiente circostante e quello che ci circonda, e 1 il fato, e le eventuali situazioni di scarogna, stesso tipo fisico di donna. Io poi, va be', ce ne sarebbero anche altre di cose da inserire qui dentro, tipo la storia dei film, ma insomma, questo avete detto che non è il caso di parlarne e non ne parlerò, avete ragione. C'è, quindi, una dinamica analoga ed una sorta di "coazione a ripetere", quella che il dottor Perugini vi ha definito "memoria muscolare". Coazione a ripetere, appunto, come una persona che, perché le cose gli vadano bene, deve far sempre le stesse cose, più o meno. Sceglie gli stessi luoghi. E lì, ancora: andateci. Guardate fino a che punto l'ambiente è analogo. Dovunque lo spazio è. scoperto. Allontanate dalla testa, se non ci siete stati, l'ipotesi del macchione, del posto ristretto dove la macchina si è infilata. Non è mai così. In tutti questi delitti, ma in quelli di cui vi occupate, almeno. Allora, su questo poi, ancora in linea generale, rileva il professor Luberto: "La freddezza di tipo quasi psicotico dell'omicida." E su questo punto tutti gli scienziati che si sono occupati di questi casi sono concordi, ne parlano in termini di evidenza. E a questo punto vi spiegano anche il perché della serie. Perché la serie? Perché questi omicidi uno dietro l'altro, in questo modo, con queste cadenze che da un certo momento in poi infittiscono. Perché infittiscono; lo vedremo parlando di un'altra situazione. Perché la spinta, quasi una coazione, è pulsionale. Cioè a dire, come dice Luberto, "intrapsichica”, vale a dire: appartiene alla psiche. Non appartiene al gruppo, perché il gruppo non ha psiche, il gruppo, non esiste una psiche collettiva di un gruppo. È una ipotesi assurda, scientificamente. E se appartiene, come dice Luberto, ad una spinta pulsionale, ad un impulsò cioè, che partecipa di una conflittualità - patologia intrapsichica - ma . la domanda, a questo punto, rispetto all'ipotesi del gruppo degli "amici di merende" è condivisibile? È collettivizzabile questa spinta pulsionale? Può riguardare per uno straordinario scherzo maligno della natura, o della sorte, del destino maligno, un gruppo di persone: Pacciani, Lotti, Vanni, Pucci, Faggi, e chissà chi altri? E la risposta è nettamente: no. Questo, in linea generale. Mettendo l'accento e, secondo il punto di vista di questa spinta pulsionale appartenente ad una conflittualità intrapsichica all''interno della quale noi dobbiamo riconoscere con evidenza la ragione di questi delitti e di questa serie di delitti. Ma c'è di più. C'è un aspetto ulteriore che riguarda la eccezionalità di questa spinta pulsionale, di questa conflittualità intrapsichica: il suo aspetto non comune. Non abbiamo una persona che uccide delle donne purché sia. Ha detto un filosofo francese, si chiama Baudleiard (?), ora così, tanto per dare spazio a quelli che dicono che fo le citazioni, frase che mi rimane sempre impressa: "Nous avons produit le sens de la distance par la débàcle du présent": abbiamo perso il senso della distanza per la sconfitta del presente. E qui, a noi, in questo processo, il rovinio - scusate - la volgarizzazione, l'annullamento, la distruzione operata dal Pubblico Ministero, rispetto a quelli che sono gli aspetti seriamente e obiettivamente scientifici di questi delitti, ci ha fatto perdere di vista la distanza. Ci impedisce di veder le cose con quell'ottica, con quello sguardo distante, che è tipico di chi voglia capir qualcosa. Perché prima di andar vicino a analizzare, andar lì a vedere le bucce della Sperduto o della signora Frigo o del Lotti o del Pucci... No, voi dovete recuperare questo senso della distanza in questo processo. E se voi lo recuperate, voi condividete quel che ha detto il dottor Perugini nella sua deposizione in questo processo, nel fascicolo 80, il giorno che lui è stato sentito. Qui manca il dato. "Il mio convincimento" - dice - "era che la fantasia ossessiva che poteva spingere una persona a fare quel determinato tipo di delitti era una cosa talmente intima, che è difficilmente condivisibile." Dove intima sta per personalissima, eccezionale. Poi, il dottor Perugini, nella sua ricerca, a mio parere tendenziosa e inesatta, ricercherà questa straordinarietà, questa fantasia ossessiva, in Pacciani attraverso il suo vissuto, certamente singolarissimo, vale a dire l'uccisione del Bonini. E quindi focalizzerà la sua attenzione, il dottor Perugini, su questo seno sinistro che la ragazza del Pacciani, la Bugli, avrebbe esposto all'amante, che poi avrebbe in qualche modo - guesta visione orribile che lui dice, eccetera - avrebbe poi cagionato... lo avrebbe, come dire, portato quasi coattivamente a ripetere quel gesto di uccisione nei confronti della coppia. 

mercoledì 16 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Settima parte

Segue dalla sesta parte

Avvocato Filastò: Benissimo. E questi materiali li ho ordinati, prima di tutto sotto un profilo di carattere generale, poi sotto un aspetto che ho definito la eccezionalità; eccezionalità di che cosa? Eccezionalità dei fatti in sé, della serie; la ritualità, riguardante una connotazione fondamentale dei vari delitti; il perfezionamento che è ravvisabile via via, seguendo i vari delitti, perfezionamento dell'azione; tutto questo visto attraverso un esame di dati obiettivi, altri aspetti che vi dirò, e che qui ho indicato come una sorta di miscellanea di vari aspetti riguardanti i casi, che accrescono questi aspetti che dicevo prima di eccezionalità, di straordinarietà. E infine, la freddezza di questo autore. Per arrivare a definire che cosa? Per arrivare a definire e a concludere che tutti questi materiali lasciano in piedi una sola, non ipotesi, constatazione: che si tratta dell'’attività di una sola persona. Allora, vediamo. Cominciamo con la perizia del professor De Fazio e dei suoi coadiutori. A pagina 94 si dice che: "Questi delitti" - secondo questi criminologi — "appartengono ad una sessualità completamente o quasi narcisistica, che si appaga esclusivamente in fantasia e nella rievocazione e/o riproduzione di situazioni stimolo." Cioè, di fronte alle escissioni questi periti hanno detto: perché? E hanno risposto: "rievocazione e/o riproduzione di situazioni stimolo." Gratuità, quindi, non escissione di queste parti anatomiche allo scopo di procurarsi del lucro, ma allo scopo di rievocare il momento in cui la violenza si è scatenata e riprodurre la situazione. "Narcisisticamente", secondo quel disturbo narcisistico di personalità che è previsto, contemplato e analizzato in psichiatria. "Tutto questo," - suggeriscono, dicono questi periti - "indipendentemente da un rapporto interpersonale diretto" - cioè a dire, indipendentemente dall'esistenza di una relazione diretta fra chi agisce e le vittime - "e, ancor più, in modo relativamente indipendente" - questo è un dato molto importante - "dalle stimolazioni meccaniche sui genitali, quali avvengono nel coito, nella masturbazione.” Cioè a dire, abbiamo a che fare con una persona che agisce indipendentemente da una relazione interpersonale e che agisce indipendentemente anche da quello che in casi analoghi avviene, vale a dire, un rapporto di relazione instaurato eventualmente post mortem, attraverso il coito o attraverso la masturbazione. "Tanto che" - si conclude in questa pagina 94 della perizia De Fazio - "è lecito quindi supporre nell'omicida un habitus sessuale connotato da impotenza assoluta o da una accentuata inibizione al coito." Ed ecco perché, e su questo sembrerebbe d'accordo persino il Pubblico Ministero, quando affida a Fornari e a Lagazzi una perizia sul Lotti per dire: questo è impotente, diteci se questo tipo di impotenza può essere collegato con i delitti. Ma questo qui, prima di tutto, trova questa connotazione descritta in questo modo, così bene sia pure sinteticamente, dal professor De Fazio, un contrasto che più netto non potrebbe essere con quel raccontino che ci verrà a fare la Sperduto; al quale io non credo assolutamente, come non credo a una parola di quello che ha detto la Sperduto, per le ragioni che dirò quando esaminerò specificamente questo testimone - brevemente, perché non merita molte analisi, molte considerazioni. Cosa vi racconta? Vi racconta un fatto in cui c'è due persone che si masturbano. E questo non potrebbe essere più contrastante con una connotazione fondamentale di questi delitti, rispetto ai quali, da un punto di vista oggettivo - e mi dispiace dovere plagiare un po' il dottor Giuttari, che lo inflaziona un po' questo termine - sono connotati dalla assoluta assenza in tutti i casi di tracce di sperma provenienti sia dalle vittime che dall'autore. Ora, voglio dire, uno può essersi asciugato, mi dispiace entrare nei particolari, però una traccia in otto delitti - ecco l'importanza di questa riunione - una traccia la troveremo. Se questi sono dei perversi del tipo che ci descrive la Sperduto, di due che spogliano una donna, fanno spogliare una donna e poi si masturbano, insomma, allora, almeno questo. E invece, qui, la prima annotazione di carattere negativo rispetto a quella attendibilità di cui parlavo prima, che riguarda in questo caso, specificamente, la signora Sperduto, ma che ha a che vedere, evidentemente, anche con il Lotti. Poi ancora, in linea generale, sottolineando questo aspetto psicopatologico, perché la definizione è questa, qui siamo di fronte a dei delitti nascenti da una psicopatologia, così dicono i periti De Fazio, e su questo non transigono: psicopatologia di tipo sessuale. "La scelta accurata dei luoghi, una notte buia di fine settimana," - questo lo trovate ancora nella perizia De Fazio - "la casualità dell'individuazione delle vittime" - beh, su questo io avrei qualche dubbio, anzi, molti -"avvalorano la tesi che i delitti siano opera della stessa persona, suggerendo l'assenza di complici che in presenza degli imprevisti avrebbero collaborato." Ecco, questo è un punto fondamentale che riguarda, per esempio, gli Scopeti. Questo scappa dalla tenda, e la collaborazione dell'altro dov'è? Qui si vuole, come dire, cercare di introdurla, di immaginarla, ma non c'è, non esiste. Fossero stati tutti e due lì alla tenda, lo fermavano prima che arrivasse lontano, no? Una persona sola si può sorprendere, ma due? E dicono ancora: "Qualificazione del duplice omicidio come delitto sessuale, 'lust murder', ribadendo che siamo più che fondatamente nell'ipotesi di uno stesso e unico autore." Ancora, con riferimento a questo aspetto psicopatologico, psicotico, addirittura vicino alla psicosi, la perizia De Fazio dice: "Il soggetto è andato incontro ad una progressiva espressione a sapore paranoideo, perché volta a sottolineare il suo vissuto di onnipotenza." Vale a dire, individuano, il professor De Fazio e gli altri, una persona che gradatamente è andata accrescendo la sua sicurezza, fino a rasentare quello che indica con la espressione: "delirio di onnipotenza". Beh, a questo punto, un momentino di riflessione sul signor Mario Vanni.
Mario Vanni: Sì, sì.
Avvocato Filastò: Si sente onnipotente lei, Vanni?
Mario Vanni: Come?
Avvocato Filastò: Si sente onnipotente lei?
Mario Vanni: No, no.
Avvocato Filastò: No, non si sente onnipotente, no. Mi sembra anche a me che non lo sia, ora poi magari, qualche giornale scriverà che ho fatto un colpo di teatro. No, non è un colpo di teatro è semplicemente una constatazione in corpore vivi, come si dice. Ma questo accrescimento, questa sicurezza . aumentata, fino a quel che loro definiscono come "delirio di onnipotenza" è una cosa che si inventano? È un'opinione soltanto? No. Appartiene ad una constatazione. Perché vi ho detto che queste perizie, questi materiali - se non ve l'ho detto, ve lo dico ora - voi li potete vedere secondo questa doppia angolazione: da una parte le opinioni che questi esprimono, dall'altra l'esame comparativo che riguarda fatti, situazioni, emergenze, e che è quello che certamente a voi darà, come a me dà, maggiori garanzie di attendibilità e di serietà e di analisi dei fatti. "Ebbene" - dice la perizia De Fazio - "l'invio della lettera alla dottoressa Della Monica chiama in causa sentimenti e atteggiamenti di sfida, provocazione, di affermazione della propria onnipotenza, ovvero il tentativo di sviare le indagini." Voglio dire, che ci sia stato questo invio, che questa lettera ci sia stata, che in questa lettera il mittente abbia voluto significare agli inquirenti: oh, guardate che sono io, eh, guardate che sono io che vi sfido e che mando a questa signora questo reperto che voi potrete fare analizzare, vedere che coincide, come infatti è avvenuto. 'Sono io'. E perché 'sono io'? Che significato ha questo? È una sfida, è chiaro che è una sfida. È chiaro che è una sfida che, fra l'altro, ha a che vedere immediatamente con questo disprezzo che lui ha per la donna, per 1'elemento femminile in generale, per la donna in generale. La odia, non c'è niente da fare, su questo non c'è dubbio. Ed è per questo motivo che ha visto giusto il dottor Nocentini parlando di "paranoico". Ed è per questo motivo che ci vede giusto la perizia De Fazio, parlando di "sapore paranoideo", che è una forma diversa - siamo nel campo della psicopatologia - sia pure attenuata, ma della medesima diagnosi che si propone allo stesso modo. Una persona che, a un certo punto, si sente così: il re dell'universo. Dice super-uomo. Macché super-uomo. Ma chi ne ha mai parlato di superuomo. Lui può darsi che si senta il super-uomo, poi sarà l’individuo più mediocre, più insulso, più basso di questa terra, perché certamente è tale. Ma da un punto di vista soggettivo, tutti questi anni in cui nessuno gli ha messo le mani addosso, a un certo punto, via via, gradatamente... Io sto parlando di tutti questi anni fino all'85, perché fino all'85 nessuno lo prende; poi dopo si sa che è stato preso Pacciani, comunque lasciamo perdere Pacciani, è morto, qui non ne possiamo parlare, non ne dobbiamo parlare: lui, sarà lui? Mi riguarda poco. Per me non è lui, ho scritto un libro che si intitola "Pacciani innocente", va be', voglio dire. Questa persona, alla fine, verso quell'anno lì lui si sente proprio... E allora dice: O pigliami, se ti riesce, dottoressa Della Monica! Tu che mi hai sfidato, quando hai suggerito di scrivere a certi giornalisti che il ragazzo aveva parlato, per stanarmi. E c'era quasi riuscita, la dottoressa della Monica, fra l'altro. E lui: ‘eccomi qua!’ Che significato volete dare a questa lettera? La dobbiamo lasciare così, per aria - come fa il Pubblico Ministero, che non ne parla nemmeno -come se fosse una cosa qualsiasi? "L'autore" - dice ancora De Fazio all'udienza del 15 luglio del 1984 (N.d.t. 1994), processo Pacciani - "da noi ritenuto unico per i motivi detti, rientra per dati di personalità in campo psicopatologico, che si riflettono su tante cose, sessualità compresa." E per quali motivi dice questo il professor De Fazio? Eccoli. Ancora, verbale del dibattimento del processo Pacciani, udienza 15 luglio '94, fascicolo 74, pagina 68: "La dinamica dell'azione dello sparare e la dinamica dell'azione dell'escindere non sono assolutamente tali da poter autorizzare l'ipotesi di due persone diverse." E allora a questo punto cominciate a misurare Lotti, no, e la filastrocca della "lepre pazza, lepre pazza, mana piazza, mana piazza; uno lo vide, l'altro l'ammazzò, uno la scorticò...". No? "La dinamica dell'azione dello sparare e la dinamica dell'azione dell'escindere" - sta parlando di dinamiche, di constatazioni - "non sono assolutamente tali da poter autorizzare l'ipotesi di due persone diverse." Mi sembra abbastanza secco, no? Fascicolo 74, pagina 68 del dibattimento Pacciani; udienza 15 luglio '94. Ancora, Galliani, esplicitando in che senso questa dinamica è riconducibile ad una sola persona, dice: "Uccidere significava i preliminari del fine di quell'azione, mentre l'azione di escissione riguardava la realizzazione dell'equivalente sadico dell'atto sessuale." Quindi, l'escindere quelle parti è l'atto sessuale : di quest'uomo, di questa persona - secondo il professor Galliani - il quale in questo modo sostituisce l'atto sessuale che lui evidentemente non può o non vuole fare. "Sono" - dice - "due tempi diversi, motivati in modo diverso dalla stessa mano." 

martedì 15 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Sesta parte

Segue dalla quinta parte 
« DOPO LA SOSPENSIONE »

Presidente: (voce fuori microfono)
Avvocato Filastò: Grazie, Presidente. Allora, si tratta, dicevo, di esaminare insieme questi materiali, che sono quelli che da parte dell'accusa vi si suggerisce di trascurare, perché sarebbero fuorvianti, in sostanza. Devo avvertirvi che si tratta, nel suo complesso, di una indagine che non è stata svolta dai consulenti del Pubblico Ministero Fornari e Lagazzi, ai quali vengono proposti quesiti diversi su Lotti Giancarlo e su Pucci Fernando, salvo uno: cioè a dire sulla compatibilità, diciamo, così, della situazione psicologica di Lotti, o per meglio dire, più che psicologica, psicopatologica sotto il profilo sessuale, su questa compatibilità rispetto ai delitti. Ma nel proporgli questo quesito, il Pubblico Ministero fornisce a questi periti nessun'altra documentazione, come abbiamo saputo, oltre la sentenza di I Grado. Tanto che quei periti, Fornari e Lagazzi - i quali però hanno delle osservazioni piuttosto intelligenti anche loro, piuttosto importanti, sulla persona di Lotti in particolare, e le vedremo - questi periti si esprimono sul caso criminale, complessivamente, così come ve l'ho indicato dianzi, incorrendo in plateali inesattezze. La più importante delle quali è l'arma da sparo, che loro definiscono analoga in tutti i casi - analoga - quando noi sappiamo invece che è identica. E che, ovviamente, mancandogli quei dati medicolegali che sappiamo, non approfondiscono il significato delle escissioni. E, per esempio, non sanno nulla della lettera spedita alla dottoressa Della Monica contenente un frammento di seno. E insomma, tutto questo risulta dall'esame che abbiamo fatto e che, in particolare su mia domanda, è stato svolto nei confronti di questi periti. Quindi questi periti, al massimo, per quello che ci è utile, svolgono soltanto un'indagine sessuologica su Lotti e sulla sua capacità intellettuale e sulla capacità -intellettiva, non intellettuale - intellettiva di Lotti e di Pucci. Dicevo che questi rilievi scientifici hanno un aspetto, una connotazione su tutti i delitti e parliamone, prima di tutto, sotto un profilo di carattere generale. E che cosa si osserva nell'elaborato e nella esposizione orale della equipe di Modena del professor Bruno, del dottor Nocentini e anche del dottor Perugini? Il quale qui è venuto quasi in veste di esperto, chiamato da questo difensore. Osserverò en passant che, insomma, il fatto che l'altro regista, il regista delle indagini del caso Pacciani, sia stato chiamato dalla difesa di Vanni e non chiamato dal Pubblico Ministero, beh, insomma, vi dovrebbe in qualche modo fornire un dato processuale importante, su come il Pubblico Ministero ha impostato questo processo. Bene, il profilo generale sottolineato da questi studiosi riguarda la componente gratuita dei delitti: cioè non utilitaristica. Vi faccio un esempio classico, tratto dalla criminologia, come noi la conosciamo. Ci sono dei delitti, che sono avvenuti negli anni '50 negli Stati Uniti, delitti piuttosto simili, che riguardavano delle coppie. Quindi, quando voi sentite questi studiosi dire 'questo fatto delle coppie è unico': è eccezionalissimo ma non è unico. Perché ci fu questo Caryl Chessman, che voi - beati voi, siete quasi tutti più giovani di me, forse il Presidente no, ma insomma, siamo lì - e non ricorderete. Io mi ricordo leggevo le cronache all'epoca e me ne appassionavo, anche perché fu un caso appassionante, perché questo in carcere diventò uno scrittore ultra pubblicato, miliardario, perché i diritti di autore erano miliardari, lui stava in America, beato lui, e si proclamava sempre innocente e tutto il resto. Ma lì, sia pure nei confronti delle coppie, c'era anche una componente utilitaristica, perché lui poi derubava le vittime. Noi, in questo caso, noi questa componente utilitaristica non la riscontriamo mai, né da un punto di vista di un'eventuale rapina, tant'è vero che non è contestata, altrimenti se ci fosse voi trovereste insieme al reato di omicidio e di vilipendio di cadavere trovereste anche il reato di rapina, né comunque finalizzato al lucro. Per esempio, sotto quale profilo? Per esempio sotto il profilo di mandato ad uccidere da parte di qualcuno, il quale prezzola delle persone perché uccidano, che diventano a quel punto dei sicari. Il Pubblico Ministero vi propone questa ipotesi, ma senza fornirvi nessun addentellato. O comunque, utilitaristica sotto un profilo di finalismo di carattere politico. Per esempio, delitti che potrebbero essere rivolti alla destabilizzazione, delitti rivolti a suscitare una sorta di panico nella collettività. Invece, questi periti, nel loro complesso, vi sottolineano una componente psicopatologica soggettiva di questi delitti. E di una psicopatologia particolare che inerisce alla sfera sessuale. Ora, questo tema, vi ha fatto intendere il Pubblico Ministero, atterrebbe al movente. E secondo quello che il rappresentante dell''accusa dice o non dice, per l'esattezza, o comunque lascia intuire, può darsi anche che io mi sia sbagliato, interpretando la sua trascuratezza nell'affrontare un tema di questo genere, insomma, siccome riguarda il movente, non ci riguarderebbe o ci dovrebbe riguardare "ad abundantiam". Ecco, io volevo subito avvertirvi che non è cosi, prima di tutto da un punto di vista di carattere generale, come ricostruzione seria, motivata e attendibile di una serie di fatti, sottolineo la parola serie; e non è neppure così sotto il profilo di angolazione strettissima, che è il profilo che l'accusa vi propone, e cioè, di mero controllo delle dichiarazioni di Lotti. Perché Lotti ne parla. Ve ne parla dicendo o facendovi intendere, nel suo modo confuso, smozzicato, improprio, che vendevano i feticci al dottore. E quindi, si imponeva agli inquirenti, e si impone a voi oggi, l'analisi di questo aspetto anche sotto un profilo di riscontro, o mancato riscontro, di una dichiarazione fondamentale di Lotti. Vedano, il tema del movente è un tema molto controverso nella Giurisprudenza, con una Giurisprudenza, come al solito, altalenante della Suprema Corte di Cassazione, e credo che ve ne abbia in qualche modo fornito un esempio il mio collega avvocato Mazzeo, quando ha parlato lui. Ma questa altalena della Cassazione. sul tema del movente, sull'importanza dell'approfondirlo oppure no nei delitti di omicidio, io credo che corrisponda al fatto che non si può dettare una regola aurea valida per tutte le occasioni e per tutte le occasioni in tema di movente. Vi faccio un esempio, il processo che abbiamo citato l'altro giorno della signora Regoli. Lì c'è un delitto, un solo delitto, un solo delitto in cui esiste un morto, ci sono i sospettati, e naturalmente si può anche dire: l'avrà ucciso per lucro, l'avrà ucciso per liberarsi di un intralcio rispetto ad una relazione adulterina. Be', insomma, a noi che ce ne importa? Tutto sommato il morto è lì, la signora è gravata da indizi e poi come si fa a entrare nella soggettività di questa persona e approfondire le ragioni profonde e serie per cui ha ucciso. Quello è un delitto. Vi faccio, invece, un altro esempio estremo di una serie di delitti commessi all'interno di un fenomeno di terrorismo. Una serie di rapine, una serie di omicidi e tutto il resto. E lì, proprio perché abbiamo di fronte la serie, viceversa, la base di partenza è proprio il collettivo, la struttura organizzativa; lo sappiamo benissimo, nelle inchieste di terrorismo il bandolo della matassa è sempre stato quello, è sempre stata la struttura collettiva organizzata che si organizza intorno a che cosa? Intorno allo scopo. Che si organizza intorno al movente. Scopo e movente non sono la stessa cosa, ma insomma, per intendersi. Quindi, collettivo e quindi finalismo politico che guida l'azione del collettivo; tanto che si è detto persino, e spesso - cioè a dire ci son sentenze a iosa - per cui dall'appartenenza al collettivo, dal ruolo rivestito all'interno del collettivo, se dirigenziale oppure no, nasce il concorso morale per il singolo imputato e per il singolo episodio criminoso. Quindi, il tema del movente si atteggia in un modo più o meno determinante a seconda della concretezza dei fatti di cui si deve occupare il Giudice. E quindi, perciò, in questo caso, avendo a che fare con una serie di delitti, avendo a che fare con una arma che è sempre la stessa e che li firma sempre, insomma, il tema del finalismo identifica un problema fondamentale di struttura dell'accusa. Ora l'accusa vi dice: non serial-killer, è un errore il serial-killer. Allora diteci qual è la connotazione finalistica di questi omicidi. Se voi ritenete che addirittura sia stato uno sbaglio iniziare le indagini sul piede della ricerca del serial-killer - e io vi ho detto l'altro giorno, venerdì, che non è avvenute questo, perché non si è mai ricercato davvero, secondo quelle connotazioni che vedremo, questa persona - be', diteci allora qual è questo rapporto, questa relazione, questa situazione che in qualche modo uniforma tutti questi delitti, che li riconduce ad una unità concettuale, come dicevo prima. La risposta che viene data è assolutamente insoddisfacente. Prima di tutto perché è una risposta ambigua, cioè a dire alternativa, altalenante. Un po' perversione, si dice, che quindi è un finalismo soggettivo, psicopatologico, chiaramente; un po' lucro, banda organizzata a scopo di lucro per vendere i feticci al dottore. Beh, non sono mica due cose che stanno insieme. Sono due cose che si pongono concettualmente, logicamente, in maniera alternativa. Poi si cita Lotti, si dice: quelli che facevano gli garbava; quelli che guardavano idem, gli garbava anche a loro. Come dire, due forme diverse di perversione: da una parte il perverso attivo, dall'altra parte il perverso passivo che guarda soltanto. Beh, insomma, se fosse così, se l'accusa non si rendesse conto della intima debolezza di un'impostazione di questo genere, e quindi non cercasse di rinfocolare l'ipotesi attraverso lo scopo di lucro, per lo meno sapremmo da che parte difenderci. E invece no, siccome l'accusa si rende conto che pensare, ipotizzare, che un gruppo di persone, quattro, cinque persone o forse sei, siano capaci prima di tutto di incontrarsi, partendo da una perversione che li accomuna, soggettiva, così straordinaria - straordinaria lo dico e poi vedremo in che senso straordinaria - e poi, non solo di incontrarsi per l'ironia... non per l'ironia, per lo scherzo atroce di un destino che mette insieme dei personaggi di questo genere alla Cantinetta del Nonno di San Casciano, oppure al Bar Sport; ma poi che queste persone, a un certo punto, riescano a organizzarsi, a collettivizzare questa loro pulsione di carattere squisitamente soggettivo, a trasferirle in un'azione comune... Ma questo è fuori da qualsiasi logica di buonsenso. E allora ecco, a questo punto, a rimpolpare questa ipotesi degli "amici di merende”, in questo modo, o focalizzato in questo modo, riuniti, viene fuori la storia dello scopo di lucro. Comunque, in una situazione di questo genere, Signori, comunque sia, dando per ammessa qualsiasi possibilità, un approfondimento è necessario; ed è un approfondimento necessario, direi indispensabile per la vostra decisione, attraverso il quale però voi avrete anche l'effetto correlativo, come vi dicevo, di misurare l'attendibilità del signor Giancarlo Lotti, attendibilità di carattere generale e di carattere specifico rispetto a questa ricostruzione. E quindi non possiamo ritenere estranei al processo i materiali criminologici, psichiatrici, medico-legali, ma essi vanno esaminati ed interpretati secondo questa angolazione, perché il processo ne dispone, per fortuna, ne dispone in maniera rilevante, e si tratta di materiali utilissimi, come dicevo, per quelli scopi che riguardano il processo, di cui dicevo. 

venerdì 11 dicembre 2015

Processo contro Mario Vanni +3 - Udienza del 9 marzo 1998 - Quinta parte

Segue dalla quarta parte

Avvocato Filastò: E da questo punto di vista della parzialità di questo processo ho espresso critiche riguardanti la impostazione del Pubblico Ministero, critiche che già avevo fatto a suo tempo, e mi sono richiamato da questo punto di vista allo studio, alla relazione comparativa che mette insieme tutto l'arco dei delitti seriali, svolta dall'equipe De Fazio, dal dottor Nocentini e dal professor Bruno. Mi sono riferito alla perizia De Fazio e all'esame testimoniale di De Fazio, Luberto, Beduschi e Galliani e vi ho fino a questo momento solamente accennato a tutto questo: all'udienza del 15 luglio del '94 l'esame dei suddetti professori in questo processo all'udienza 15 luglio ’94, processo Pacciani; udienza del 12 gennaio '98, questo processo, fascicoli 77 e 78. Mi sono richiamato all'esame anche del dottor Nocentini, all' udienza dell'11/12 — anzi meglio - mi richiamerò anche all’esame del dottor Nocentini: udienza dell'11/12/97, a fascicolo 65; e all'udienza del 16 dicembre del '97, a fascicolo 68. Dico subito che il dottor Nocentini io lo trascurerò un po’ non perché meriti questa trascuratezza, ma perché il suo esame fu parziale; cioè a dire limitato soltanto ai delitti del '74, dell'81 di giugno, e dell'81 di ottobre. Quando io dico che un esame serio, approfondito, vuole, deve essere fatto su tutti i delitti. Ma spero che voi integrerete questa lacuna, per il fatto di non parlarne approfonditamente, di quel che ha detto il dottor Nocentini, rileggendovi le sue dichiarazioni. Perché il. dottor Nocentini è molto interessante, e quello che disse all'epoca si è rivelato, purtroppo pre-cognitivo. Voglio dire, la sua attendibilità, l'attendibilità del dottor Nocentini è certificata, documentata dal fatto che egli, al termine della sua relazione, che ho allegato, disse: "Guardate, che quest'uomo colpirà ancora". Si era ancora alla fine del 1981, inizi del 1982, e questa osservazione fatta dal dottor Nocentini sulla base di un panorama di carattere psico-patologico, o meglio psichiatrico, psicotico, perché lui lo qualifica un "paranoico definito" - dice il dottor Nocentini nella sua relazione - tutto questo quadro lo condusse a dire: "Attenzione, perché colpirà ancora." Il che avvenne puntualmente. Quindi, è a dimostrazione, questo, del fatto che, come in altre cose, lo studio scientifico ci vede giusto. Gli scienziati e i tecnici sono gli auguri della nostra epoca, in definitiva. E voi sapete che gli auguri venivano interpellati anche nei processi, all'epoca degli antichi Romani. E questi nostri auguri, di questa nostra epoca, questi, nostri scienziati, tecnici, studiosi manifestano, tutto sommato, un certo progresso rispetto alla lettura delle viscere degli animali, del volo degli uccelli e dei tramonti. E qui, invece, rispetto a questo aspetto scientifico importante e significativo, vi si chiede di farne rigorosamente a meno. Ecco quella specie di invocazione che fa il Pubblico Ministero: "Guardate, che questa roba è sbagliata all'origine, sbagliata come impostazione." Abbiamo visto che non era affatto sbagliata come impostazione, che rifletteva una tecnica che appartiene al di là dell'oceano; però questo significa che appartiene a chi il fenomeno lo ha studiato e approfondito. E non solo oltreoceano, ma dovunque si studia e si indaga sul serial-killer, sulla base di quella impostazione. E più o meno eravamo arrivati qui, a parte molte altre cose che vi ho detto e che spero rileggerete in Camera di Consiglio, per lo meno tutto quello che riguarda le indicazione degli atti. Indicazioni degli atti. Perché io, come avete visto, mi sono sempre fondato su dei fenomeni processuali che si sono verificati davanti a voi, ritenendo importante il dibattimento che vi ha impegnato per otto mesi. Cioè a dire, eravamo arrivati all'esame dell'alternativa: unico autore, più autori; seguendo i contributi degli specialisti che sono nove, in totale, compreso il dottor Perugini. Nove specialisti, non uno: nove. Contributi che non consistono solo in un'ipotesi investigativa, attenzione, di stile americano. E comunque, se qualcuno di voi ritenesse di avere a che fare solo con una sorta di fiction del genere, tipo il "Silenzio degli innocenti" — tuttavia buon film fatto da un ottimo libro di Tomas Harrys, il quale non è solo un ottimo scrittore, ma è anche un attentissimo studioso della materia — comunque, se qualcuno equiparasse questi studi, o pensasse che delle analisi di questi studiosi si possa farne a meno in questo processo, perché tanto sono americanate, quasi fantasia, più vicino alla fiction che alla realtà; e che sia invece, più proficuo affidarsi allo stellone italiano, nel senso di pretesa intuitività, abborracciamento, quando non grave negligenza, nella raccolta delle prove, materiali; e- che sia più- proficuo affidarsi alla fede cieca -e acritica rispetto alle parole smozzicate, confuse e contraddittorie di due prostitute le quali, fra l'altro, non dicono niente, fra parentesi uno sfruttatore dichiarato come tale, il quale non dice assolutamente niente nemmeno lui, e di due oligofrenici — oligofrenici, nel senso di ipodotati intellettualmente — di cui uno, però tuttavia furbastro, una lenza furbastra, profittatore, bugiardo cronico, e va be', lo vedremo. Ebbene, se nella equiparazione dei materiali da esaminare e sui quali fondare una decisione serena, fondata, seria, la vostra bilancia pendesse dalla parte di questi signori, dalla parte di questa melma, di questo pattume probatorio, beh, secondo me sbagliereste, fareste un grave, gravissimo errore. Ecco. Vi ringrazio di avermi ascoltato fino a questo momento e spero che mi ascolterete ancora, perché ci sono molte cose ancora da dire. Allora, dicevo che Lotti in questo processo, oltre che giudice, sarebbe anche il perito dei periti con il suo sorridente faccione. Il complesso dei dati che sottopongo alla vostra attenzione, sono dati scientifici, nei limiti in cui si può parlare di scienza in cose di questo genere. Certamente, non scientifici come si può parlare di una formula matematica, o scientifici di come si può parlare di una proprietà riguardante un fenomeno di carattere fisico ma sono opinioni circostanziate di esperti, che si sono occupati dei casi, o meglio, del caso che è riconducibile ad unità sotto un profilo concettuale. Vedete, l'aspetto importante di questo esame e delle osservazioni che verranno fatte da questi signori che io vi sottoporrò, è questo: che queste persone hanno individuato un caso; un caso che ha queste tappe, ha questi momenti, ha queste cadenze: '68; '74; '81, di giugno; '81 di ottobre; '82, di giugno; '83, di settembre; 84, di luglio; settembre 1985, l'ultimo. Otto casi, otto delitti, una serie. E loro li hanno analizzati tutti. E loro, fra l'altro, rappresentano per voi, Corte di Assise di Firenze che deve giudicare Mario Vanni, l'unico elemento attraverso il quale voi potete recuperare questo, caso criminale, che è uno dei più atroci, dei più rilevanti di questo dopoguerra — in un paese che-, insomma, di cose criminali ne ha viste e piuttosto pesanti da un bel po', voi avete, la possibilità di approfondire questo caso criminale solamente attraverso questi materiali. Voi sapete, su questo c'è stata, una polemica da parte di questo difensore, il quale all'inizio di questo processo ha cercato di fare intervenire anche quello che riguardava gli altri delitti e non solo di quelli di cui vi occupate. Ma questo, è rimasto, come dire, è stato escluso dalle vostre ordinanze. Ma lasciamo da parte quello che è l'aspetto processuale di questo fenomeno e lasciamo da parte fino a che punto sia consono alla materia di questo processo questo voler, da parte del Pubblico Ministero, dividere questi fenomeni e questi processi. Oltretutto contraddittoriamente, perché così non aveva fatto durante il processo Pacciani, dove Pacciani era stato imputato di tutti i delitti; e non perché vi fossero degli indizi a carico di Pacciani relativi a tutti i delitti, ma soltanto dalla constatazione che la pistola era la stessa e che questa pistola, questa unica arma da fuoco, riconduceva ad unità tutti i delitti. Dicevo, non piangiamo sul latte versato perché questa non è la sede di lamentarsi di un punto di vista parziale di questo processo. Spero che non ci sarà nessuna sede per lamentarsi; spero non dovermi lamentare della vostra sentenza e quindi nemmeno delle vostre ordinanze, bah, lasciamo da parte. Resta il fatto che concettualmente questa unità prima o poi la dovrete recuperare, altrimenti, voi non capite niente. Scusate se ve lo dico: altrimenti voi non capite niente. Non solo non capite niente, ma danneggiate fortemente il mio cliente: il povero Mario Vanni. Voi lo danneggiate fortemente! Vi faccio un esempio: voi sapete che da un certo momento in poi, si prospetta la tesi dello scopo di lucro, no? Ad un certo punto si dice: 'questi delitti sono stati fatti per poi commercializzare quelle povere spoglie’. Io ho il diritto di dirvi: e come la mettiamo con il 1974? Come la mettiamo con il delitto che riguarda la Stefania Pettini, in cui l'assassino non toglie proprio niente e quindi non è in grado di vendere proprio niente? Non è in grado di commercializzare proprio niente ma si esprime sul cadavere di quella ragazza soltanto attraverso questo atto di disprezzo che lui ha per la donna? Eh, lo vedete, che da questo punto di vista, lo stralciare questo, esame, che è l'unico aspetto che riguarda la complessità dei delitti, dalle vostre valutazioni il ritenerlo il non cale, il trascurarlo, significa anche conflittare il diritto di difesa di Mario Vanni. Comunque, io vi ho parlato di opinioni di questi periti, di questi tecnici; ma sono opinioni soltanto? No. Sono anche esame e studio comparativo dei dati obiettivi. Per cui quando io vi ho parlato di questi periti, di queste relazioni, voi dovete immaginare... no, ritenere che a fianco a loro ci sono anche i medici legali. C'è anche Maurri, c'è anche la dottoressa Cucurnia, che voi avete ascoltato qui. Ci sono tutti i medici legali che hanno fornito, a volte addirittura affiancandosi a questi periti... nell'ultimo delitto, nel 1985, i periti De Fazio e l'equipe De Fazio hanno anche collaborato alle indagini necroscopiche, hanno visto concretamente i cadaveri e tutto il resto. Ecco, voi dovete ritenere che non c'è solamente questo gruppo di esperti con speciale riferimento all'aspetto della criminologia, ma accanto a loro ci sono anche i periti medico-legali. Quindi, non solo soltanto opinioni. È anche un esame comparativo di dati obiettivi che queste persone svolgono; intesa l'espressione "esame comparativo" nel suo significato letterale e autentico, non come l'intende il dottor Giuttari. Il quale, dottor Giuttari, viceversa, a me sembra proprio la quintessenza della soggettività sua, quando si esprime in termini di intuizione, intuitività, in termini di importanza che lui di essere rimasto colpito da... che fra l'altro sono tutte cose che a noi non ci interessano e non dovevano interessare nemmeno voi, essendo un testimone, ma insomma, salvo... Sono state lasciate andare un po' così, quella specie di prerequisitoria, il dottor Giuttari, sulla quale ritorneremo. Quindi, proprio risultanze. Queste persone fanno un esame comparativo - vale a dire, mettendo insieme questo delitto, quest'altro, quest'altro, quest'altro, tutti e otto - centrato sulla obiettività. Cioè a dire, proprio sull'esatto contrario della soggettività: della Frigo che sente un boato e lo considera una serie di colpi; del Lorenzo Nesi che vede Vanni sbiancare; della Ghiribelli ubriaca marcia, che a distanza di dodici anni riconosce la piazzola di Vicchio, o è la Filippa Nicoletti? Insomma, una delle due. Oppure anche del signor Renzo Rontini e della sua signora, che a distanza di undici anni riconoscono il Vanni. Ecco. Allora vediamole queste cose. Presidente, mi fa fare un riposino?
Presidente: Sì, di dieci minuti, un quarto d'ora.  
 
Blogger Templates